Le Info

4. Prizzi - Castronovo

Un piccolo borgo che è un presepe, arroccato su un fianco della montagna, che guarda l’antico sito di Hippana, la montagna dei cavalli sicana. Si lascia Prizzi e la via entra presto all’interno della Riserva di Monte Carcaci, tra alberi che fanno ombra e fonti d’acqua sorgiva, aree pic-nic e rifugi della Forestale. La via, lasciato il bosco, torna tra i campi di foraggio e grano e tocca il borgo agricolo di Riena, ormai abbandonato all’obblio, simbolo di una civiltà contadina che fatica a resistere. Un tratto di salita ci porta nella seconda area boschiva, Santa Caterina, da cui si raggiunge la collina del Kassar, il pianoro bizantino che sovrasta Castronovo di Sicilia.

0
Km

Distanza

0
m

Ascesa Totale

0
m

Discesa Totale

0
m

Altitudine max

0
h

Tempo medio di percorrenza a 4km/h

Info Percorso...

Tutto cio che devi sapere sul percorso di questa tappa.

Lungo la tappa si trovano diversi punti d'acqua, ma si raccomanda di partire sempre forniti (2 L primavera/autunno - 2.5/3 L estiva).

La tappa è sprovvista di punti intermedi per fare approviggionamento di cibo. Partire sempre preparati.

Lungo il percorso si attraversa l'area forestale di Monte Carcaci e di Santa Caterina: si raccomanda il massimo rispetto per le strutture, gli ambienti e i beni del Demanio Forestale di Sicilia.

A fine tappa, a 4 km dal borgo di Castronovo, si incontra il sito archeologico del Kassar, insediamento bizantino ancora in corso di scavo da parte delle equipe internazionali di Roma e York (UK). Prestare la massima attenzione.


Cosa vedere...

Cosa non perdere di vista, monumenti luoghi notevoli e punti culturali da vedere.

  • sito archeologico bizantino del Kassar
  • Palazzo Giandalia e museo
  • Fonte Regio
  • SIto archeologico arabo-normanno di Rocca San Vitale
  • Chiesa madre e campanile normanno
  • Chiesa basilica di Santa Maria di Bagnara

Cosa mangiare...

Ricette antiche e nuove e piatti tipici dell tradizione per mescolare buoni passi a buon cibo.

 

  • Pitirri, una antichissima tradizione che mescola farina di grano duro, Tumminia, con verdure come finocchietto selvatico e broccoli o altre verdure
  • Pasta ca frittedda, frittella di fave
  • Nfriultate, pane olio e salsiccia, cotto al forno.
  • Cudduredde cu savuco, pane impastato con fiori di sambuco.
  • Pastizzotta cu a cucuzzata (ripieno di zucca)
  • Torta del Pellegrino, solo presso la pasticceria ufficiale della Magna Via, da Giuseppe Sparacello

 

 


Dove dormire...
Accoglienza Indirizzo Contatti

PERIODO CONSIGLIATO

Mar-Giu, Set-Dic

DIFFICOLTĂ€

Facile

Medio

Difficile

PERCORRIBILITĂ€

Piedi

Bicicle

Cavallo

INTERESSI

Cibo

Ambiente

Cultura

RAGGIUNGIBILITĂ€

Macchina

Bus

Treno

ACCOGLIENZA

Povera

Pellegrina

Turistica